Emergency CommKit

Emergency CommKit, ovvero Kit di Comunicazione per le Emergenze.

Il mio kit risiede completamente in uno zaino e comprende 2 radio, antenne e batterie per coprire la maggior parte delle necessità di comunicazione locale e nazionale in caso di emergenza / calamità naturale.

Il kit è ancora in fase iniziale di sperimentazione, per cui nel tempo apporterò numerose modifiche e sostituzioni, ma per il momento questo è il setup:

Radio palmare VHF / UHF Yaesu FT-65E con batteria integrata

dura diverse ore di uso normale a bassa potenza 500mW, all’occorrenza sale fino a 5W. Ottima per collegamenti con ripetitori locali in FM. Due antenne, una di gomma rugged e una stilo telescopica Diamond RH770 ad alto guadagno per le situazioni in cui il segnale fatica a propagarsi.

Radio base HF + 50MHz Yaesu FT-450D

Alimentata tramite una batteria piombo-acido 12V 7.2Ah, garantisce circa 3 ore di autonomia in ascolto con la 450D, o circa 1.5h in ascolto e trasmissione a 50W, circa 1h a 100W. Con 5-10W e le giuste condizioni atmosferiche è possibile collegarsi con tutta l’Europa sui 14Mhz. Antenna dipolo per la banda dei 20 metri con opzionale canna da pesca per elevarla dal suolo, oppure si possono sfruttare elementi ambientali come alberi, pali, insegne, ecc…

Batterie

Per il momento sto sperimentando una batteria piombo-acido sigillata da 12V 7.2Ah. Risiede comodamente nella tasca anteriore dello zaino ma è molto pesante. Per il futuro vorrei sperimentare con batterie costituite da celle LiFePO4 che a parità di peso dovrebbero fornire circa 3 volte la capacità delle piombo-acido, ma costano anche 4 volte di più.

Radio QRP

La radio Yaesu FT-450D è una radio “trasportabile” e da base compatta, non particolarmente adatta per l’utilizzo mobile, ma al momento è quello che passa il convento 🙂 in futuro vorrei poterla sostituire con una Yaesu FT-817ND funzionante con un massimo di 5W, ma che consuma anche molta meno energia e ingombra 1/4 del volume, con la metà del peso. Lascerebbe più spazio nello zaino per ospitare anche un pannello solare.

Calcolo derivata su HP 35s RPN

La calcolatrice HP 35s non possiede una funzione di derivazione integrata, ma possiamo programmare un rudimentale calcolatore di derivate sfruttando circa 60 byte della sua memoria.

Questo è il listato:

D001 LBL D
D002 STO X
D003 1e-5
D004 STO H
D005 +
D006 XEQ F001
D007 STO F
D008 RCL X
D009 RCL H
D010 -
D011 XEQ F001
D012 RCL F
D013 x<>y
D014 -
D015 RCL H
D016 2
D017 ✕ (moltiplicazione)
D018 ÷
D019 RTN

L’algoritmo calcola la seguente formula:

in questo caso H è stato scelto empiricamente e fissato a 0.00001 nella riga D003. Per alcune funzioni, potrebbe essere il caso di modificare il codice per usare una costante diversa, oppure impostare manualmente il registro H con la costante desiderata e cancellare la riga di codice D003 e sostituire la D004 STO H con un RCL H.

La funzione da derivare è definita come programma, alla label F.
La funzione F deve essere costruita in modo da accettare in input un numero dallo stack e restituire un numero in output sempre nello stack.

Un esempio di funzione F potrebbe essere semplicemente questo:

F001 LBL F
F002 3
F003 y^x
F004 √x
F005 LN
F006 RTN

Questo semplice programma calcola la funzione f(x) = ln(sqrt(x^3))

Per eseguire la derivata, basta inserire la funzione in F, come da esempio, uscire dalla modalità programma, inserire nello stack l’argomento x su cui calcolare la derivata, premere [XEQ] D [ENTER] et voilà!

PS: La formula per il calcolo della derivata è presa da Numerical Recipes in C, Second Edition, equazione (5.7.7).

Particle Simulation su Commodore 64 – Blog[005]

Esempi di codice orrendi su BB10 – Blog[004]

Un NON tutorial su BlackBerry 10, Qt, Android e OpenGL – Blog[003]