Il mio Olivetti M10

Le Caratteristiche

Data di rilascio: 1983
Microprocessore: OKI 80C85 a 2,4 MHz (variante CMOS del processore a 8 bit Intel 8085)
Memoria RAM: 24KB (espandibile a 32KB)
Sistema operativo: Proprietario Microsoft, con Basic, Wordprocessor, Agenda, Rubrica e Remote Terminal integrati e Multiplan su ROM opzionale (una specie di Excel). E’ stata l’ultima macchina per cui Bill Gates abbia scritto “personalmente” buona parte del codice. La sua variante americana, il Tandy TRS-8 Model 100, è il computer preferito da Bill Gates.
Display: LCD 8 righe da 40 caratteri (240 x 64 pixel, bianco e nero)
Tastiera: 94 tasti QZERTY (layout italiano usato da olivetti sulle sue macchine da scrivere)
Suono: singola voce a onda quadra, 5 ottave (altoparlantino interno)
Memoria di massa: RAM non volatile, registratore a cassette
Dimensioni: mm 300x210x50
Peso: Kg 1.7
Alimentazione: 4 pile stilo AA ( 20 ore di autonomia, circa 1 settimana di uso normale), oppure alimentatore esterno 6V
Connessioni con l’esterno: Porta seriale RS232, Porta Modem (opzionale), Interfaccia registratore a nastro, Porta parallela Centronics, Expansion bus (può essere usato per collegare un floppy esterno, o un hard disk), Interfaccia per lettore di codici a barre

Le Foto

Cominciamo con una panoramica della mia postazione:

Per avere un’idea precisa delle dimensioni, gli ho messo accanto un comunissimo Netbook da 11 polici della ASUS.

Il Menu del sistema operativo (inutile dire che, trovandosi in ROM, ha un tempo di boot inferiore al mezzo secondo):

Una schermata del BASIC by Microsoft:

Come potete notare, ci sono poco più di 10KB liberi di Ram, perchè ho la memoria piena di altri programmini. Una volta svuotato, la Ram disponibile sale a circa 20-22 KB (per l’epoca era tantissima). Come memoria di massa posso usare un registratore a cassette (scomodo) oppure, tramite porta seriale e un cavetto auto-costruito, posso trasferire i file dal PC e viceversa.

La stampante/plotter:

Presenta 4 penne di colori diversi, collegamento tramite porta parallela Centronics, ed è alimentato sia esternamente che tramite batterie. Le sue dimensioni ridottissime e il peso inferiore al kilo gli consentono di essere trasportato agevolmente, per poter stampare anche in viaggio. La qualità di stampa è ottima, anche se al momento sono sprovvisto di penne per fare una dimostrazione.

A proposito di collegamenti con l’esterno, ecco un riassunto:

I manuali in mio possesso:

Trattano molto bene il Basic della macchina (una versione veramente potente del Basic di Microsoft), e i programmi in esso integrati.

La custodia in pelle per contenere l’M10:

Un esempio banale in Basic:

Dopo il comando RUN:

E qui, invece, un sorgente in Assembly:

Da notare che non è integrato nessun assembler nella macchina. Per programmare in assembly ci sono due strade: compilare a mano e creare un programma in Basic che carica in RAM i codici in esadecimale del programma compilato, oppure scaricare un programma Assembler e compilare “sul posto”. Io ho scelto la seconda opzione, scaricando un programma Assembler da internet. Purtroppo questo programma fa un po’ schifo, quindi prima o poi ne scriverò uno mio, e magari anche un compilatore Pascal :-)

E, infine, 6 foto di un bellissimo Seno!

Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6

Enjoy!